CAMBIA LINGUA

GITA SOCIALE AI FORNI

Scusate il ritardo….

Di seguito le foto della gita di 2 giorni ai Forni:

Il gruppo in partenza sabato mattina

Un doveroso ringraziamento ai capigita…

In salita verso il Palom de la Mare

Tutti in vetta…
In discesa


In salita verso la Cima Forni

… tutti in vetta …

Omaggio al presidente

In discesa neve trasformata….



…troviamo ancora qualche centinaio di metri di farina…


… e per finire ancora trsformata.



Assemblea dei Soci

Venerdi  23 Aprile ore 20,45
 Convocazione assemblea ordinaria dei soci gap , presso la sede di Scanzorosciate in  via
 Galimberti 12/B,  per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno:
 
1                  Relazione del Presidente
2                  Approvazione bilancio consultivo 2009
3                  Approvazione bilancio preventivo 2010
4                  Varie ed eventuali
Il consiglio direttivo.

Antonio=Svizzera

Come direbbe l’amico Nando: “Anche la Svizzera ha un suo perchè…”, ed allora, almeno una volta per stagione, ci si può far coinvolgere dal buon Antonio, che porta i suoi nipotini a scoprire il passo del Sempione e dintorni.
In effetti non c’è che da scegliere, in base alle proprie gambe, al tempo a disposizione, al tipo di neve preferita: le possibilità sono quasi infinite, mentre nelle nostre Orobie forse siamo ormai arrivati al dessert…
La nostra scelta quindi cade sul Boshorn, con circa 1500 metri di salita, ben tracciata e regolare, rivolta perlopiù a nord, in una giornata stupenda, mentre qui imperversa tempo ben peggiore. La vetta viene raggiunta salendo la cresta di sinistra, lasciando gli sci al margine di neve più alto.

Vetta raggiunta senza troppe difficoltà, su rocce quasi pulite e senza ramponi, sulla cresta un poco esposta, con “divertente arrampicata” (come recita la guida, naturalmente svizzera…).
Le vette che ci circondano non possono che ingolosirci per future “gitarelle” in zona…
In discesa anche noi possiamo lasciare qualche segno del nostro passaggio nei 20-30 cm di neve fresca che troviamo nelle sezioni di discesa più riparate, per concludere pienamente soddisfatti questa nostra uscita oltre frontiera.

P.S.

Lasciamo solo queste due immagini della nostra veloce uscita al Redival di sabato scorso, mentre il gruppo era poco distante ai Forni (a proposito: e le vostre immagini?).

Le condizioni erano più che buone, come spesso in questo periodo scegliendo partenze prima dell’alba, ma avete visto che valanghe di fondo scese probabilmente solo qualche giorno prima?

Ciao a tutti
Chiara e Marco
(oggi abbiamo messo le mani sulla prima roccia della stagione, ma quando lo facciamo davvero?)

Monte Isola – Campelli

Le Palme: a 30 km da casa abbiamo l’isola lacustre più grande d’Europa…e perché non farci una visita? In sintesi: Brioches, traghetto, aperitivo, Santuario della Ceriola, pranzo al sacco, suonatina con la chitarra, caffè, discesa al molo di Carzano, traghetto, aperitivo, cena a Iseo, casa, e “conseguente chiusura del conto in banca”!

Sale Marasino e Punta Almana

Pasquetta: non poteva mancare una ciaspolatina mordi e fuggi al Passo dei Campelli: giornata stupenda e vento a raffiche dalla Madonnina dei Campelli fino al Passo! Brividi di gioia!
Davide

Il lavoro del vento

Polvere

Il Campioncino “sull’orlo di una valanga”