CAMBIA LINGUA

Canale del Druet – Il lato oscuro delle Orobie

L’idea di farmi due ore abbondanti di auto per finire sulle Orobie, che possono distare da casa anche meno di un ora non mi ha mai allettato. Di conseguenza l’idea di far visita al loro versante nord in Valtellina, passando tra l’altro per l’odiosa Statale per Lecco è sempre stato in fondo ai miei pensieri. Se devo sbattermi allora meglio puntare l’esotica Svizzera, anziché finire all’ombra dei giganti delle Orobie.

Francesco però sa abilmente convincere i suoi compagni di scalata evocando polveroni e pendii ripidi, argomenti più che convincenti per passare al lato oscuro dell’Orobia. Del resto se non ne approfitto quest’anno in cui sono lanciato, una puntata in queste zone non la farò probabilmente mai.

Come da un mesetto buono a questa parte, la soglia psicologica della sveglia alle 5.00 riduce la truppa ai soliti noti. Breve chat telefonica e Lorenzo ha già lo zaino pronto e gli sci a portata di mano.

Le sensazioni a inizio gita non sono delle migliori. Stradina che parte con un ripidone di benvenuto, freddo pungente e ombra. Anche oggi, gita plasir domani.

Superato il primo salto arriviamo nella conca delle Baite Michelini. L’ambiente è suggestivo e forse sono solo io che mi sono svegliato storto. All’Alpe del Druet l’ambiente passa a selvaggio ed è evidente che sono io che mi sono svegliato storto, perché il posto è semplicemente fantastico. L’orologio segna 700 m di dislivello percorso e sembra impossibile che il canale del Druet, in parte già visibile, sia mille metri più in alto. Proseguiamo puntando al Vallone del Vagh e l’ambiente passa da selvaggio ad austero. Siamo in pieno lato oscuro delle Orobie.

Il respiro dell'inverno

Il respiro dell’inverno

Il sole fa capolino sulle cime, lo vedremo molto più tardi

Il sole fa capolino sulle cime, noi lo vedremo molto più tardi

La neve è intonsa e Francesco traccia diagonali con precisione millimetrica. Qualche centinaio di metri più in basso vediamo comparire altri scialpinisti. Sono tutina e in poco tempo ci sono addosso. Superandoci iniziano a tracciare con le classiche linee da rallisti. La precisione dello skitourer lascia il posto al dritto per dritto. La cosa non ci piace molto e continuiamo testa bassa sulla nostra linea.

Francesco apripista

Francesco apripista

Io e lorenzo seguiamo a breve distanza

Lorenzo ed io seguiamo a breve distanza

Ambiente solitario e maestoso, il canale del Druet ci attende là in alto

Ambiente solitario e maestoso, il canale del Druet ci attende là in alto

Arriviamo al canale mentre loro iniziano a scendere, bella fregatura noi l’abbiamo tracciata quasi interamente e loro ci spolverano il pendio. L’avidità umana è potente nel lato oscuro.

Ultime inversioni

Ultime inversioni

Nei pressi del canale

Nei pressi del canale

Da bravi Jedi dello Scialpinismo però puntiamo il canale, tentando la vetta. Non sembra in condizione o forse essendo il primo ingaggio stagionale serio su misto, non siamo molto preparati a tale terreno. Decidiamo che non vale la pena e per questa volta l’Impero ha vinto, ma ci resta pur sempre una bella discesa da affrontare.

Tentativi incerti

Tentativi incerti

Scendiamo

Scendiamo

Siamo comunque soddisfatti

Siamo comunque soddisfatti

In pieno nord, all’ombra dei giganti respiriamo l’atmosfera dell’inverno…ampi silenzi interrotti solo dalle nostre voci e dal rumore degli sci…la neve ci consente di spingere in discesa e le gambe ci seguono nonostante i 1700 m di dislivello D+.

Sensazione fantastica. Sciamo dove vogliamo. Scegliamo gli sciatori che vogliamo essere. Serpentina, curva breve, curva lunga.  La proverbiale prudenza dello scialpinista, sempre pronto ad aspettarsi cambi di neve su cui adattare la sciata, lascia spazio alla velocità. Spingiamo e ci divertiamo. Valichiamo il confine dello scialpinismo classico e ci addentriamo nel terreno del freeride.

Francesco "piega" a gran velocità

Francesco “piega” a gran velocità

Lorenzo pennella linee lunghe

Lorenzo pennella linee lunghe

C’è poco da fare, quando trovi le condizioni giuste e un buon feeling, lo scialpinismo per me è la parola più vicina al concetto di libertà.

Scialpinismo è libertà!

This is who I am (questo è quello che sono)

Nando

3 Commenti a "Canale del Druet – Il lato oscuro delle Orobie"

  1. Gigi scrive:

    Bella relazione ed immagini che trasudano dell’ebrezza dello scialpinismo.
    Sempre nuove geometrie sulla neve.
    Ciao

    1. Nando scrive:

      Grazie Gigi! Lo Scialp è uno dei punti cardine dell’attività del Gruppo!

  2. Gianlu scrive:

    Complimenti per la gita
    Ottima relazione sui versanti nord delle Orobie.
    Continuate orgoglio per il gruppo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>