CAMBIA LINGUA

Cime di Pejo Occidentale e Orientale (3548 m)

La sveglia proibitiva alle 3.00 del mattino è stata la tassa da pagare per questa giornata meravigliosa all’insegna dello sci, dell’alta montagna e di luoghi che conosco bene, ma che non avevo mai visitato sci ai piedi.

Quest’anno però la motivazione e le condizioni per praticare scialpinismo sono tali che la voglia di mollare tutto per dedicarsi alla più comoda roccia ancora non è arrivata. Il meteo che continua a scaricare cm di neve sulle montagne sembra darci ragione. Per cui ogni week end troviamo spunti per luoghi da visitare e salite da intraprendere. Del resto lo scialpinismo è nato come attività primaverile, specie sulle grandi montagne.

Concentrati alla partenza

Motivati alla partenza

Questo weekend scegliamo la Valfurva e il Ghiacciaio dei Forni, che mi evocano sempre tante emozioni essendo le montagne della mia adolescenza.

La Valle dei Forni, sullo sfondo si staglia il Gran Zebrù

Dopo le nevicate in settimana il ghiacciaio si è presentato nella sua veste migliore, distese di neve vergine, pendii da battere e un ambiente maestoso. I media con il loro terrorismo mediatico sul rischio valanghe limitano la presenza di sci alpinisti e piccoli gruppi si spartiscono equamente le montagne dell’area. La nostra meta sono le Cime di Pejo che fanno parte del lungo crinale che collega tutte le vette della celebre cavalcata estiva delle 13 cime. Un percorso a cavallo di Lombardia e Trentino in un ambiente spettacolare, teatro della Grande Guerra.

Primi raggi di sole sul  Ghiacciaio dei Forni

Primi raggi di sole sul Ghiacciaio dei Forni

Ci addentriamo nel ghiacciaio dei Forni e ad ogni dosso superato un nuovo scenario si apre di fronte a noi. La splendida giornata fa il resto e anche se la quota e la sveglia presto ci toglie un pò di brillantezza atletica l’entusiasmo è alle stelle.

Le cime di Pejo rimangono un po’ appartate circa a metà della celebre traversata, per raggiungerle superiamo un ripido canale

Inversioni nel canale

Inversioni nel canale

Nella parte altra siamo esploratori in un luogo desolato. Qui la quota si sente e accetto di dover rallentare. Ho più tempo per guardarmi in giro. Non servono altre parole, parleranno le immagini.

Chiara in uscita dal canale

Chiara in uscita dal canale

Maestosa desolazione

Maestosa desolazione

La bellezza di questi luoghi è commovente, ovunque a perdita d’occhio montagne stupende, muri di ghiaccio e silenzi. Ogni scorcio di questa valle mi evoca ho un ricordo, un aneddoto una storia ascoltata al campeggio di S. Caterina Valfurva. I racconti di Gino sulla nord del S. Matteo. Il rifugio Branca con al nevicata di Maggio durante la prima gita alle elementari, il Gran Zebrù e quella volta che non mi ci hanno portato. La discesa in mountain bike dal Pizzini ancora prima che inventassero il downhill.

Lorenzo e alle spalle il S. Matteo

Lorenzo e alle spalle  S. Matteo e Tresero e il crinale delle 13 cime

La vastità dell'ambiente

La vastità dell’ambiente

La compagnia è ottima Francesco, Lorenzo e Chiara formano un trio con il giusto equilibrio. I valtellinesi amici di Francesco ci accolgono a casa loro con garbo e simpatia. La vetta, in questo caso due, è sempre un bel momento per fermarsi a contemplare. Come ogni volta in questi luoghi il pensiero va a chi, 100 anni prima, saliva queste cime per contendersele a suon di cannoni. Se si prova solo a immaginare cosa possono aver sofferto sale il groppo in gola.

20180414_111801

Lorenzo e Francesco in vetta all’occidentale

Team orobico in vetta

Team orobico in vetta

Dalla cima di nuovo panorami grandiosi, il gruppo del Brenta, della Presanella e Adamello, e più in là Marmolada e Pelmo Civetta, Dolomiti. Siamo nel cuore delle Alpi e le Alpi le abbiamo nel cuore.

Il Brenta

Il Brenta

Adamello e Presanella

Adamello e Presanella

Le dolomiti

Le dolomiti

La discesa è meravigliosa, un’altra giornata in polvere. Ne abbiamo fatte così tante quest’anno da rendere questa stagione per certi versi irripetibile.

Il divertimento ha inizio

Il divertimento ha inizio

Sui pendii sommitali

Sui pendii sommitali

Nel Canale

Nel canale

Ma la cosa più interessante è che ancora non è finita.

Nando

Un commento a "Cime di Pejo Occidentale e Orientale (3548 m)"

  1. Gianlu scrive:

    Complimenti a tutta la compagnia
    Bellissime foto e ambienti unici.
    Bravi il vero scialpinismo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>